Giulio Patrizi | Quando il vino (e il design) prendono i neuroni
17367
post-template-default,single,single-post,postid-17367,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-6.0.5,vc_responsive
packaging, label design, giulio patrizi design agency

06 Mag Quando il vino (e il design) prendono i neuroni

Cosa ci è piaciuto all’edizione del Vinitaly che si è appena conclusa?  Sicuramente sapere che l’industria del vino italiano è in forte crescita nei mercati emergenti e non solo. Un prodotto ancestrale come il vino che negli ultimi anni, grazie a nuove tecniche di vinificazione e di marketing, sta accrescendo il suo valore in tutto il mondo.

packaging, label design, giulio patrizi design agency

Ma perché parliamo di vino per parlare di design? Perché il design visivo e lo studio identitario di un prodotto sono alla base del successo commerciale e fortunatamente molte aziende se ne sono rese conto.

Il progetto più interessante che abbiamo scovato è quello sviluppato per la cantina Palmeto Costanzo da Spazio di Paolo. Etichetta cui, tra l’altro, è andato il Premio Speciale “Etichetta dell’anno” al 23° Vinitaly Design Int’l Packaging Competition

Non si tratta solo di un lavoro grafico ma di un progetto di neuromarketing, di ricerca ed innovazione legati alla narrazione del territorio e del prodotto.  La cantina Palmento Costanzo è situata sulle pendici dell’Etna in Sicilia. Per enfatizzare il rapporto tra il luogo in cui nasce e il prodotto stesso, è stato creato un pigmento materico estratto dalla polvere vulcanica dell’Etna, totalmente stampabile.

“L’idea di utilizzare un colore naturale estratto dal magma solidificato rievoca il territorio e il vulcano, il miglior guardiano per i vecchi vitigni del Nerello Mascalese, Nerello Cappuccio, Carricante e Cataratto” spiegano dallo studio Arconvert. “Grazie a questo processo l’etichetta diviene multisensoriale e il risultato è straordinario: la vista, il tatto e l’olfatto vengono stimolati e il consumatore è naturalmente portato a toccare l’etichetta incuriosito dalla naturale luminescenza dei minerali presenti nel pigmento. Toccando, l’etichetta sembra ruvida, coerente e materica. Al naso sta respirando l’Etna perché l’intera confezione è fatta solo con l’Etna!”

Fotografie di Spazio di Paolo ©



Watch Dragon ball super